Curiosità

Published on febbraio 25th, 2016 | by Il Birrafondaio

1

Dagli scavi archeologici sulle Ande a Chicago rinasce la birra dell’impero Wari con mais viola e bacce “molle”

Avete voglia di sperimentare una birra diversa da quelle a cui siete abituati? Cosa ne dite di una ricetta che ha oltre mille anni ed è a base di mais viola fermentato e bacche “molle”?

Stiamo parlando della Wari Ale, la nuova birra creata da Off Color Brewing, birrificio di Chicago, in collaborazione con il Field Museum, alla base della quale c’è una ricetta che viene da un popolo, quello Wari, vissuto oltre mille anni fa sulle Ande peruviane. Come hanno scoperto l’antropologa Tiffiny Tung e l’archeologo Ryan Williams in due diverse aree della catena montuosa peruviana, il popolo Wari era solito usare questa bevanda fermentata con finalità sociali e utilizzata come bene di scambio con le comunità vicine.

Williams, qualche anno fa, aveva scoperto nella zona del Cerro Baul le tracce di un birrificio in grado di garantire la produzione di quasi duemila litri di birra per ogni “cotta” e recentemente Tung ha trovato la conferma della presenza della bevanda in un’altra zona sotto il controllo degli Wari.

La Wari Ale sarà disponibile presso il bistro del Field Museum a partire dal 3 marzo e dalla settimana successiva sarà venduta nei negozi specializzati della città americana.

wariale

Tags: , , , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



One Response to Dagli scavi archeologici sulle Ande a Chicago rinasce la birra dell’impero Wari con mais viola e bacce “molle”

  1. Pingback: Stili birrari, tutti i colori dell'arcobaleno (o quasi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑