Homebrewing

Published on maggio 15th, 2014 | by Il Birrafondaio

0

BrewOnline 2.0

Oggi parliamo di Homebrewing ed in particolare di programmi per comporre una ricetta.

 

Come tutti i birrificatori casalinghi sapranno, una volta presa coscienza di ciò che si sta facendo ed una volta in grado di poter scegliere fra le molteplici materie prime presenti sul mercato e le loro svariate combinazioni adatte alla nostra birra, possiamo passare a creare la nostra ricetta personalizzata.
logoIl metodo comune è quello di scaricare un software gratuito o per i più esigenti comprarne qualcuno a pagamento ed iniziare a lavorare su quel computer che abbiamo destinato come vittima sacrificale dei nostri esperimenti.
Non tutti sanno, però, che già da un po’ di tempo esiste un sistema alternativo altrettanto valido che bypassa lo “scomodo” di essere schiavi della routine: sto parlando di BREWONLINE 2.0.
Questo programma (se così vogliamo chiamarlo), ideato da Fabio Stilo (già creatore di altre community come il BeverlyClub) e con la collaborazione di Antonio De Feo (presidente dell’associazione Birrando… Si impara!!!) a differenza degli altri esistenti che necessitano di essere scaricati, è totalmente GRATUITO e soprattutto è ONLINE. Ciò significa che non c’è alcun bisogno di installare niente da nessuna parte e soprattutto consente di non essere più legati ad un singolo computer, infatti è possibile utilizzarlo da qualsiasi dispositivo, che sia esso uno smartphone, un tablet o addirittura un iPod, consentendo di monitorare, in qualunque momento ed in qualunque posto, la nostra cotta. Altra differenza molto importante è il continuo aggiornamento totalmente invisibile ai nostri occhi. Infatti, non essendo un software, non necessita di aggiornamenti da parte dell’utente ma tutto ciò avviene in automatico.

Ma andiamo alla scoperta di questo programma e delle sue caratteristiche principali.
Schermata 2014-03-19 alle 20.04.25Il funzionamento è molto semplice, basta collegarsi al sito http://www.brewonline.net, registrarsi gratuitamente ed in qualche secondo si aprirà un mondo davanti a voi mantenendo però un’interfaccia pulita e funzionale, in grado di nascondere tantissime funzioni dietro la sua semplicità.
Creare una ricetta è un gioco da ragazzi (così come è semplice caricare una ricetta da software come HobbyBrew e da BrewPlus). Una volta fatto l’accesso alla sezione “nuova ricetta” si apre la classica schermata con la quale tutti gli homebrewers hanno avuto a che fare almeno una volta nella vita.

La velocità con la quale si procede è impressionante, infatti scegliendo dall’elenco la tipologia di birra che vogliamo produrre, veniamo supportati da subito con i parametri di riferimento del BJCP che ci fornisce le linee guida ed i range per la nostra creazione. Quindi per chi vuole riprodurre esattamente uno stile ha un riferimento “Min/Max” come la OG, FG, IBU, EBC, BU/GU, insomma tutte sigle che bisogna conoscere per procedere nella birrificazione.
Una volta scelto lo stile di riferimento ed una volta selezionata la tecnica di produzione prescelta possiamo passare alla scelta delle materie prime.

Schermata 2014-03-19 alle 20.05.21

BrewOnline, grazie all’aiuto di Homebrewers dediti alla causa, utilizza una selezione completa di materie prime che troviamo abitualmente nel mercato italiano aggiornandone continuamente i relativi parametri. Questi ingredienti, una volta selezionati nelle quantità desiderate, vanno ad aggiornare automaticamente i parametri di riferimento aiutandoci a capire se la nostra ricetta si attiene ai valori corretti o stiamo andando un pò fuori range.
In questo modo, possiamo divertirci a scegliere dall’elenco i malti da utilizzare, i luppoli, i lieviti potendo anche creare e stampare una “lista della spesa” degli ingredienti scelti e di stimare il costo complessivo della cotta grazie all’opzione “valorizza”. Inoltre è possibile, con la nuova versione, inserire le soste e le temperature del Mash per avere tutto sotto controllo.

Altri punti di forza sono la possibilità di condividere o accedere alle ricette condivise, dove tantissimi utenti mettono a disposizione le loro creazioni con la possibilità di condividerle su Facebook oppure su Google Calendar che penserà a ricordarci tutto passo passo ad ogni scadenza. E’ possibile inoltre gestire tutta la “filiera” della birra prodotta, calcolando in via teorica tutte le scadenze riguardanti una cotta: travaso, imbottigliamento e maturazione. Per una migliore organizzazione del lavoro, è possibile visualizzare a schermo e stampare un calendario dell’intera produzione casalinga. In prossimità di una scadenza, BrewOnline si occuperà di avvisare l’homebrewer ricordandogli cosa deve fare.

1506657_809592165734231_1341438629_nMa le sorprese non finiscono qui. Con la “Gestione della Cantina” è possibile anche, in fase di imbottigliamento, rendicontare il numero di bottiglie e la loro capacità alle quali apporre un QR Code che andremo a leggere con il nostro smartphone ogni volta che prendiamo una bottiglia dalla cantina aggiornando le nostre scorte, con tanto di messaggio che ci allerta quando le birre stanno per finire.
Una volta terminata la nostra cotta, non dobbiamo fare altro che aspettare la maturazione per dissetarci finalmente con le nostre birre (che diciamoci la verità, hanno sempre un altro sapore!!!).
528405_10200621041065669_732909007_nMa tranquilli si è pensato anche a questa evenienza. Infatti sul sito è presente anche una scheda di degustazione completa nella quale poter inserire tutti i parametri proprio come un vero degustatore e conservarli nell’eventualità di migliorarsi nelle produzioni future.
Insomma, un programma a misura di Homebrewer!

Tags: , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑