News

Published on gennaio 27th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Da oggi è disponibile il 1° numero del 2015 della rivista de “Il Birrafondaio”

Cari amici birrafondai,
il 2015 si apre con un bicchiere mezzo vuoto: dal 1 di gennaio, infatti, è scattato un nuovo aumento dell’accisa sulla birra e questo significa che quasi metà di ogni bicchiere di birra che gusterete nel nuovo anno se ne andrà in tasse. Per mesi tutto il settore, compatto come poche volte nella sua storia, ha portato avanti una campagna di informazione su questo tema, ma il martellamento costantecondotto da produttori, mezzi di comunicazione, operatori del settore e semplici appassionati, fuori e dentro il Parlamento, non è servito a convincere il governo Renzi a fermare questo nuovo innalzamento della pressione fiscale.

Un aumento che, a fronte di entrate incerte e decisamente modeste nell’ambito del bilancio dello Stato, rappresenta senza dubbio un ostacolo rilevante per i grandi e i piccoli produttori italiani, rischiando di minare lo sviluppo di un settore che negli ultimi anni ha mostrato di essere in grado di resistere alla crisi, di creare opportunità occupazionali per i più giovani e che è diventato sinonimo di qualità e innovazione in Italia e all’estero.
Ma vogliamo iniziare il nuovo anno cercando anche di guardare il bicchiere mezzo pieno: il movimento della birra artigianale è vivo e continua a crescere e a diffondersi in ogni angolo del nostro Paese e così cerca di fare anche Il Birrafondaio.
Nel corso dei prossimi dodici mesi abbiamo in programma tante novità, non solo editoriali, che siamo certi non vi deluderanno. A cominciare da una nuova rubrica, “Avanzi di birra”, alla quale presto seguiranno altri spazi dedicati alle mille sfaccettature di un mondo in continua evoluzione come quello della birra artigianale.

Buona Lettura.
Prosit!

Tags: , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑