WBC

Published on aprile 14th, 2014 | by Il Birrafondaio

0

WORLD BEER CUP 2014: MEDAGLIE ANCHE PER L’ITALIA!

Brewers_Association-LogoSi è concluso pochi giorni fa a Denver il World Beer Cup 2014. Il concorso, conosciuto anche come le Olimpiadi della birra, è il più prestigioso concorso di birra al mondo.
Fondato dalla Brewers Association dal presidente Charlie Papazian, Ii World Beer Cup viene assegnato ogni due anni. La prima competizione si è tenuta nel 1996 a Vail, Colorado, ed è stata caratterizzata dalla presenza di 600 birre provenienti da 250 fabbriche di birra. Nel corso degli anni il numero è cresciuto soprattutto nel 2008 dove si è avuta una presenza di 2.864 birre venute da 644 fabbriche di birra da 58 paesi nel mondo, e da allora il numero è sempre cresciuto. A partire dal 2006, i premi sono stati assegnati in 91 categorie.

Quest’anno la cerimonia si è tenuta il giorno 11 Aprile a Denver dove 219 Giudici hanno premiato 94 Birre delle 4.754 presentate di ben 1.403 Birrifici da 53 paesi da tutto il mondo.
Numeri stratosferici che però hanno visto predominare in assoluto Birre di Birrifici Americani, addirittura in stili come quelli Belgi di forte tradizione (Vedi Oud Bruin), rendendo palese, quindi, il giudizio filo-americano adottato dalla giuria. Oltre alle innumerevoli medaglie a stelle e strisce, c’è stato anche (poco) spazio anche per altre realtà europee.

Notizie positive arrivano invece dall’Italia. Questa edizione ci ha visti protagonisti nel primato nostrano con ben 4 Medaglie di cui 3 argenti (VIÆMILIA, Birrificio del Ducato; Robinia, Birrificio San Paolo; Temporis, Croce di Malto) ed 1 bronzo (Xyauyù, Birrificio Baladin Società Agricola) migliorando così il nostro “score” delle edizioni precedenti.

Ma vediamo i podi delle categorie che hanno visto protagoniste le nostre birre.

Categoria 25: Kellerbier or Zwickelbier (60 birre in gara)
Gold: Pilsner, Marble Brewery, Albuquerque, NM
Silver: VIÆMILIA, Birrificio del Ducato, Roncole Verdi, Italy
Bronze: Wilderer Dunkel, Brauerei-Gasthof, Böbrach, Germany

Categoria 11: Specialty Honey Beer (46 birre in gara)
Gold: Honey Beer, Long Sun Brewing, New Taipei City, Taiwan
Silver: Robinia, Birrificio San Paolo, Torino, Italy
Bronze: Honey Tripper, Iron Hill Brewery & Restaurant – Maple Shade, Maple Shade, NJ

Categoria 55: French and Belgian-Style Saison (91 birre in gara)
Gold: Saison, Aspen Brewing Co., Aspen, CO
Silver: Temporis, Croce di Malto, Trecate, Italy
Bronze: TAPS Saison, TAPS Fish House & Brewery – Corona, Corona, CA

Categoria 14: Experimental Beer (57 birre in gara)
Gold: Redrock Paardebloem, Redrock Brewery, Salt Lake City, UT
Silver: Hoptart, Al’s of Hampden/Pizza Boy Brewing Co., Enola, PA
Bronze: Xyauyù, Birrificio Baladin Società Agricola, Farigliano, Italy

GUARDA TUTTI I VINCITORI

Il concorso, oltre a premiare le birre, ha anche assegnato altri 5 premi assoluti, rivolti alle aziende birrarie e divisi per tipologia e grandezza dell’azienda stessa.
1. Piccolo Brewpub è stato nominato Iron Hill Brewery doppiando il successo già ottenuto nel 2012
2. Piccolo Birrificio è andato a Pelican Pub & Brewery
3. Birrificio di media grandezza è stato assegnato a Coronado Brewing
4. Grande Brewpub è andato a Blind Tiger Brewery
5. Grande Birrificio infine a Coors Brewing Company

Per concludere bisogna rendere merito alla continua voglia dei birrifici italiani di dire la loro in merito. Infatti, Germania a parte con 27 medaglie, si può notare come nazioni che dalla loro hanno tradizioni ben più radicate rispetto alla nostra quali Belgio, Regno Unito (5 medaglie) e Repubblica Ceca (3 medaglie) siano completamente alla nostra portata avendo ottenuto numeri simili ai nostri.

Un motivo in più per continuare a credere in ciò che si sta facendo, soprattutto per quelle piccole realtà che lo fanno per passione!

Tags: , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑