Approfondimenti

Published on novembre 8th, 2016 | by Il Birrafondaio

0

Accise Birra, forse stavolta ci siamo: il taglio per i microbirrifici torna in Parlamento. Unionbirrai rilancia e porta alla Camera la birra a sostegno dei terremotati

 

La riduzione delle accise sulla birra artigianale torna ad essere tema di dibattito in Parlamento e questa volta potrebbero esserci i margini per andare fino in fondo. Finora tutti i tentativi fatti, soprattutto dal Movimento 5 Stelle, erano naufragati ma questa volta a muoversi è anche il Partito Democratico e questo, come già successo con la definizione di birra artigianale, potrebbe significare una svolta.

Se ne è parlato oggi alla Camera nel corso di un incontro che ha visto Unionbirrai portare in Parlamento la birra Arka 8.16, realizzata da 26 birrifici artigianali per sostenere le popolazioni colpite dal sisma dello scorso 24 agosto. All’incontro era presente Chiara Gagnarli, deputata 5 Stelle che negli ultimi due anni si è spesa moltissimo al fianco dei produttori e che ha ribadito la linea del gruppo M5S, che si è concretizzato negli emendamenti che saranno presentati nella Legge di Bilancio: ridurre le accise per i microbirrifici recependo così la direttiva europea, e ridefinire l’attuale sistema. “Si tratta di una proposta già presentata dal M5S nel Collegato Agricolo dell’anno scorso – ha spiegato – ma che fu bocciata dalla maggioranza di Governo e che abbiamo intenzione di riproporre e riaprire così il dibattito per le misure a sostegno della filiera brassicola”.

Fino a quando però le proposte di intervento legislativo nel settore provengono solo dai pentastellati, come purtroppo abbiamo già più volte registrato in passato, le speranze di portare a casa il risultato sono poche. Ma quando il partito di maggioranza decide di “sposare la causa” il discorso cambia, come già successo per la definizione di birra artigianale proposta dai 5S e fatta propria dal PD.

Il primo segnale arriva da un emendamento al decreto fiscale presentato da Chiara Gribaudo, Vicecapogruppo del PD alla Camera dei Deputati lo scorso 4 novembre.

“Il mondo della birra artigianale – aveva spiegato la deputata dem – nonostante le tutele ricevute dal Collegato Agricolo emanato in estate, rimane ostaggio delle accise sulla birra più alte d’Europa, che ostacolano lo sviluppo della filiera e favoriscono le grandi multinazionali. Con questo emendamento proponiamo una rimodulazione delle accise che per i piccoli birrifici arriva ad una riduzione del 40 per cento”.

Un ulteriore elemento è senza dubbio la proposta di legge, sempre a firma PD, presentata lo scorso ottobre che prevede una serie scaglioni fiscali con tagli sulle accise del 40% per i birrifici tra i 5 e i 10 mila ettolitri anno, fino ad arrivare al 10% per chi produce tra i 40 e 50mila ettolitri.

Considerando i numeri attuali della “craft beer” all’italiana si tratterebbe di un mancato introito per lo Stato, ha sottolineato Gagnarli, di circa 5 milioni di euro.

Si potrebbe obiettare che si tratti di una soglia piuttosto bassa che lascerebbe fuori i “grandi” tra i micro, ma di certo sarebbe una boccata d’ossigeno importante per i più piccoli.

Il testo prevede inoltre, e solo questo per i microbirrifici sarebbe un cambiamento epocale, il calcolo dell’accisa al termine del processo produttivo e non a monte.

Il costo della misura, non è più di un granello di polvere nel bilancio dello Stato, ma come ribadito dal presidente della Commissione Agricoltura Luca Sani, una mancata entrata a bilancio mette in moto un meccanismo più complesso da condurre in porto rispetto all’intervento “tecnico-burocratico” del sistema di conteggio delle accise.

Nei prossimi giorni vi terremo aggiornati sul percorso parlamentare di queste proposte, nella speranza di poter celebrare finalmente un risultato atteso da tempo.

Di seguito le dichiarazioni che Chiara Gagnarli ha rilasciato al Birrafondaio a margine dell’incontro.

20161108_112842

 

 

Tags: , , , , , , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑