News

Published on novembre 19th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Birra e sport, quando la “Beer Mile” diventa un lavoro: il nuovo recordman firma contratto di sponsorizzazione con produttore di abbigliamento sportivo

Per tutti i birrafondai che amano tenersi in forma la “Beer mile” è la specialità sportiva per eccellenza. Non basta infatti allenare il fisico, ma è necessario uno stomaco “in forma” per reggere oltre un litro di birra. E certamente Lewis Kent possiede queste qualità. Il 22enne studente della University of Western Ontario è infatti il detentore del record in questa particolare competizione (4 minuti e 51 secondi) e, secondo quanto riporta la Espn, è anche il primo atleta della “Beer mile” a firmare un contratto di sponsorizzazione con una importante azienda produttrice di abbigliamento sportivo, la Brooks.

Negli ultimi anni, infatti la “Beer mile” è diventata molto diffusa, soprattutto negli Usa e in Canada, e pur mantenendo un carattere sostanzialmente goliardico è diventato un fenomeno in grado di attirare l’attenzione di tanti appassionati di birra e non.

Quasi inevitabile quindi che le aziende del settore cominciassero a mostrare interesse per le “star” di questa competizione, ma lo stesso Lewis è rimasto molto sorpreso dalla proposta definendola “quasi surreale”.

La società non ha rivelato i dettagli dell’accordo limitandosi a precisare che Kent sarà pagato “più di un atleta amatoriale e meno di un olimpionico” e che saranno previsti dei bous in caso di vittoria agli eventi più importanti.

Probabilmente non arriverà a competere alle olimpiadi, ma Kent è comunque un corridore di buon livello, con un record sul miglio, senza birra, di 4 minuti e 15 secondi. Questo significa che è in grado di bere le quattro birre da 335 cl previste nella “Beer mile” in circa 36 secondi.

Ecco il video della sua corsa da record:

beermilerecord

 

Tags: , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑