Curiosità

Published on marzo 30th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Israele, ritrovate ceramiche egizie del 3.000 a.C. utilizzate per produrre e conservare la birra

Un gruppo di archeologi israeliani, al lavoro in uno scavo a Tel Aviv, ha portato alla luce frammenti di utensili e contenitori in ceramica, di origine egizia, utilizzati per la produzione e conservazione della birra risalenti al 3.ooo a.C.. All’interno, riportano i media internazionali, sarebbero state ritrovate tracce di malto tostato ed acqua lasciati a fermentare al sole. Come vi abbiamo raccontato in passato, per gli egiziani la birra era la bevanda base nell’alimentazione dela quasi totalità della popolazione, senza distinzioni di  classi sociali e le età.

I frammenti sono stati ritrovati nel corso degli scavi in un cantiere edile e, secondo quanto reso noto dall’Autorità israeliana per i reperti archeologici, erano stati stipati in 17 fosse usate per conservare prodotti agricoli nella prima parte dell’Età del bronzo.

By Einsamer Schütze (Own work) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

Tags: , , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑