Approfondimenti

Published on febbraio 18th, 2016 | by Il Birrafondaio

1

La Camera approva la definizione di birra artigianale. Una grande novità con qualche ombra

La definizione di birra artigianale è stata approvata dalla Camera dei Deputati. L’Aula ha approvato l’introduzione della definizione nell’ambito delle votazioni sulla legge delega sulla semplificazione, razionalizzazione e competitività del settore agroalimentare. Un passo avanti importante per centinaia di microbirrifici e per un settore in grande crescita ed evoluzione.

Il testo approvato, contenuto in un emendamento del relatore Nicodemo Oliverio, prevede la modifica della storica legge del 1962 introducendo questa definizione: “Si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e microfiltrazione. Ai fini del presente comma si intende per piccolo birrificio indipendente un birrificio che sia legalmente ed economicamente indipendente da qualsiasi altro birrificio, che utilizzi impianti fisicamente distinti da quelli di qualsiasi altro birrificio, che non operi sotto licenza e la cui produzione annua non superi i 200.000 ettolitri, includendo in questo quantitativo le quantità di prodotto per conto terzi.”.

La definizione introduce alcuni parametri importanti, che ci auguriamo possano essere un primo passo verso una distinzione anche dal punto di vista fiscale e burocratico tra grandi e piccoli produttori, come del resto accade in quasi tutta Europa. In questo senso sono da considerare importanti le dichiarazioni rilasciate ieri all’Ansa dal presidente della Commissione Agricoltura Luca Sani: ”Il passo successivo sarà quello di lavorare per abbassare ai piccoli birrifici le accise nella legge di Stabilità”.

Così come è formulato, però, il provvedimento crea anche una situazione di difficile interpretazione per le circa 300 beer firm: da un lato la loro birra, prodotta da “piccoli birrifici indipendenti” per conto terzi, sarebbe “artigianale” ma non essendo loro stessi “piccoli birrifici indipendenti” per l’assenza di un impianto produttivo, in teoria non potrebbero venderla come tale.

Una questione di interpretazione della norma che, come sanno bene gli operatori del settore, apre le porte a tante possibili contestazioni in sede di controlli.

La Camera ha inoltre approvato un emendamento che impegna il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali a favorire lo sviluppo e la crescita della filiera del luppolo italiano destinando ad essa una quota delle risorse del Ministero stesso. Un aspetto che può rappresentare un’interessante prospettiva per la produzione di nuovi luppoli “made in Italy”.

L’Aula ha invece bocciato un emendamento presentato da Adriano Zaccagnini (Sel) che prevedeva l’obbligo ” di indicare in etichetta il luogo di produzione e confezionamento della birra e delle materie prime utilizzate per la sua produzione”. Ritirato invece l’emendamento presentato da Chiara Gagnarli (M5S) che mirava a introdurre la specifica che “per i piccoli birrifici indipendenti l’accertamento dell’accisa viene effettuato a seguito della fase di condizionamento” ovvero non sul mosto ma sul prodotto finito. La parlamentare 5 Stelle ha spiegato che ripresenterà la misura sotto forma di ordine del giorno ed è tornata a sottolineare l’importanza di intervenire dal punto di vista fiscale per favorire i piccoli birrifici, evidenziando come il gettito  derivate dall’accisa pagata daimicrobirrifici sia di circa 10 milioni di euro, cifra estremamente esigua rispetto alle entrate derivanti da questa tassa nel suo complesso ma che rappresentano un peso rilevante per i microbirrifici limitandone il processo di crescita.

Le modifiche apportate al testo rendono necessario un nuovo passaggio al Senato che dovrebbe però essere puramente formale.

In Italia sta dunque per “nascere” ufficialmente la birra artigianale. Speriamo sia il primo passo verso una revisione delle normative del settore che sostenga il settore nel suo percorso di crescita.

Palazzo_Montecitorio

Tags: , , , , , , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



One Response to La Camera approva la definizione di birra artigianale. Una grande novità con qualche ombra

  1. Pingback: La birra artigianale è (quasi) legge dello Stato italiano - Bimag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑