News

Published on luglio 24th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Le aragoste del Maine finiscono nella birra e la colpa è di Giovanni Campari del Birrificio del Ducato

Si chiama “Saison dell’Aragosta” e il nome non mente: nel corso del processo produttivo le aragoste “nuotano” letteralmente nella birra. Questa produzione decisamente “estrema” nasce da una oramai consolidata collaborazione tra il birrificio americano Oxbow Brewing e Giovanni Campari, birraio del Birrificio del Ducato. A produrre questa Saison in 3mila bottiglie è il marchio craft del Maine, ma l’idea, come ammette in un’intervista al Boston Globe Tim Adams, è del mastro birraio italiano.

Le aragoste vengono inserite nel mosto e lasciate a “cuocere”, quindi il carapace viene svuotato della carne, finita sul piatto dei produttori, e reinserito in infusione con l’aggiunta di una piccola quantità di sale marino locale.

Il risultato, racconta Adams, è una birra ispirata alle Gose con un leggero sentore di aragosta.

saisondell'aragosta

Tags: , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑