Questione di Stile

Published on novembre 18th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Questione di Stile – Le Märzen

Come ogni anno, tornati dalle vacanze estive, per tutti gli appassionati di birra è il momento della fatidica domanda: “andiamo all’Oktoberfest?”.
Come ben sapete è un festival popolare che si tiene ogni anno a Monaco di Baviera, in Germania, in un’area chiamata Theresienwiese, (più brevemente d’Wiesn in dialetto bavarese), dura generalmente 16 giorni e si conclude la prima domenica di ottobre.
Il primo Oktoberfest si tenne nell’ottobre del 1810 ma si trattò di una corsa di cavalli in occasione del matrimonio del principe Ludovico I di Baviera e della principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen. A causa del suo successo venne ripetuta annualmente, con l’aggiunta successiva di una fiera agricola, danze popolari, musica e di un luna park sempre più grande.
Ad oggi è la più grande fiera del mondo per gli amanti della birra, con circa 6 milioni di visitatori ogni anno, che consumano mediamente 7,5 milioni di Maß (il classico boccale di birra da 1 litro). La festa ha ufficialmente inizio con l’apertura delle danze da parte del Primo cittadino di Monaco e il suo O’Zapftis! (in dialetto bavarese “È stappata!”).
La birra servita all’Oktoberfest (Oktoberfestbier) è una Märzen, stile nato nel XVII secolo proveniente dal tipo “Vienna”, ed è una birra a bassa fermentazione, più forte di una Lager comune.
Il suo nome deriva dal mese di marzo (in tedesco: März) perché era prodotta alla fine della stagione birraria.
Una legge bavarese del 1539 stabiliva infatti che la produzione di birra fosse consentita soltanto tra le festività di San Michele, il 29 settembre, e di San Giorgio, il 23 aprile, sia per favorirne la corretta conservazione nei mesi freddi (poiché non esistevano ancora i sistemi di refrigerazione artificiale) sia al fine di evitare che, durante i mesi estivi, i processi di fermentazione provocassero incendi ed esplosioni. Per questo i mastri birrai bavaresi crearono questa birra leggermente più alcolica e luppolata capace di conservarsi per circa sei mesi, in modo da resistere ai mesi estivi ed essere consumata in settembre-ottobre. Non è un caso dunque che la Oktoberfestbier, la birra servita ogni anno all’Oktoberfest, sia una Märzen. In Germania questo stile è spesso caratterizzato da un corpo tra il medio e il robusto, un sapore maltato, un grado alcolico sui 5-6% ABV ed una varietà di colori solitamente compresi tra il marrone pallido e il marrone scuro. In Nord America lo stile assume un aroma di luppolo più forte, mentre in Austria il termine Märzen indica una birra che tende ad assomigliare alle più popolari Helles.
Gli unici 6 birrifici autorizzati a produrre questo stile per l’Oktoberfest sono le “6 sorelle di Monaco di Baviera” (Paulaner, Spaten, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Augustiner e Löwenbräu).
Questo perché tecnicamente le vere Oktoberfestbier possono essere prodotte solo nei confini della città di Monaco, per tutte le altre è obbligatoria la dicitura “birre in stile Oktoberfest”.

 

 

Articolo presente nella nostra Rivista “Il Birrafondaio” Anno 2 Numero 6

Tags: , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑