Curiosità

Published on agosto 27th, 2015 | by Il Birrafondaio

0

Usa, quando il colosso della birra non distingue tra un re e una regina

A quanto pare al colosso della birra a stelle e strisce Anheuser-Busch non hanno ben chiara la differenza da un uomo e una donna. Non si spiega altrimenti la decisione di presentare un ricorso contro la richiesta di registrazione del marchio “The Queen of beer” (la regina della birra) da parte dei californiani di She beverage, birrificio creato e gestito da donne. A spingere AB all’azione legale è il fatto che i consumatori potrebbero essere tratti in inganno dalla definizione, in quanto troppo simile a “King of beers” (re delle birre) lo storico slogan della Budweiser, di proprietà del gigante della birra.

Nonostante la difficoltà di comprendere un qualsiasi consumatore possa non essere in grado di distinguere un re da una regina, già in passato AB aveva visto riconosciute le sue ragioni dal Tribunale preposto a dirimere le questioni legate ai marchi registrati contro un’altro produttore che aveva tentato di registrare lo slogan “Queen of beers”.

Budweiser

Tags: , , , , , , ,


About the Author

è un portale di informazione a 360° sul mondo della birra artigianale. Notizie quotidiane su questo mondo, eventi, homebrewing, approfondimenti e tanto altro ancora attraverso il nostro sito, i nostri social e soprattutto sulla nostra rivista. PROSIT!



Back to Top ↑